CERCA
Generic filters
Filter by Elementi
A
Ac
Al
Am
An
Ar
C
Cb
Cg
Ci
Co
Ct
F
Fi
I
In
Li
Lu
Ma
Me
Mn
Mo
P
Po
Px
Re
S
Sa
So
Sp
St
Sz
T
Tr
V

La ’namoranza – disïosa

di: Giacomo da Lentini

interprete: Gianluca D'Andrea

Lingua: Italiano

Paese: Italia

La ’namoranza – disïosa
che dentro a l[o] mi’ cor è nata
di voi, madonna, è pur chiamata,
merzé se fusse aventurosa.
E poi ch’i’ non trovo pietanza,
[…] per paura o per dottare
s’io perdo amare,
Amor comanda ch’io faccia arditanza.

Grande arditanza – e coraggiosa
in guiderdone Amor m’à data,
e vuol che donna sia ’quistata
per forza di gioia amorosa:
ma’ troppo è villana credanza
che donna deggia incominzare,
ma vergognare
perch’io cominzi non è mispregianza.

Di mispregianza – Amor mi scusa,
se gioia per me è cominzata
di voi che tant’ò disïata,
e sonne in vita cordogliosa;
ca, bella, sanza dubitanza,
tutte fïate in voi mirare,
veder mi pare
una maraviliosa simiglianza.

Tanto siete maravigliosa
quand’i’ v’ò bene affigurata
c’altro parete che ’ncarnata,
se non ch’io spero in voi, gioiosa;
ma tanto tarda la speranza,
solamente per [voi] dottare
o i malparlare,
Amor non vuol ch’io perda mia intendanza.

Molt’è gran cosa ed inoiosa
chi vede ciò che più li agrata,
e via d’un passo è più dotata
che d’Oltremare in Saragosa
e di bataglia, ov’om si lanza
a spad’e lanza, in terra o mare,
e non pensare
di bandire una donna per dottanza.

Nulla bandita m’è dottosa
se non di voi, donna pregiata,
c’anti vorria morir di spata
ch’i’ voi vedesse currucciosa;
ma tanto avete caunoscianza,
ben mi dovreste perdonare
e comportare,
s’io perdo gioi che, ·sso, m’aucide amanza.

Regala questa poesia:

Stampa
Email

Elementi della Poesia